Affresco

Magda Szabó

 

Traduzione: Vera Gheno e Claudia Tatasciore

Cura: Vera Gheno 

Introduzione: Gian Paolo Serino 

Prima edizione italiana

30 settembre 2017

pp. 240

€ 18.00

ISBN: 978-88-89076-39-2

 

 

 

 

Affresco è il primo romanzo scritto da Magda Szabó. Pubblicato in Ungheria nel 1958, divenne subito uno dei più grandi successi dell'epoca. La fama del libro giunse anche nella Germania dell'Ovest e nel 1960 Insel pubblicò la traduzione tedesca. È questo il romanzo di cui Herman Hesse disse: «Con Magda Szabó avete pescato un pesce d’oro. Comprate tutta la sua opera, quello che ha scritto e quello che scriverà».

 

I membri della famiglia si radunano per il funerale della moglie del prete calvinista, per decenni curata in manicomio. Torna anche la figlia, Annuska, che era fuggita di casa nove anni prima per realizzare il suo sogno d'infanzia, diventare una pittrice, rinnegata dal padre tirannico che educava i figli con la frusta in una mano e la Bibbia nell'altra.

Mentre la notizia del ritorno della figlia prodiga sconvolge i membri della famiglia e la città, nelle tredici ore che trascorrono tra i suoni mattutino e serale della campana,  si mettono sulla bilancia le menzogne, l'egoismo, l'ipocrisia, il bigottismo dei vivi e dei morti e nessuno può evitare la caduta della propria maschera. 

 

Prima edizione italiana del primo romanzo di Magda Szabó con l'introduzione di Gian Paolo Serino.

Recensioni

Flanerì

Esistono scrittori che hanno patito sulla loro pelle che cosa significa non avere la libertà di fare letteratura. Penso soprattutto ai russi: Pasternak, Solženicyn, Bulgakov, per fare alcuni esempi. Magda Szabó (1917-2007), la scrittrice ungherese più tradotta al mondo, visse la stessa privazione: invisa al regime comunista e quindi ai paradigmi del realismo socialista, dovette attendere fino al 1958 affinché venisse pubblicata.

Un libro moderno nello stile e nei contenuti, pieno di non detti e di disvelamenti. Bella anche la copertina.

Ogni parola di ogni pagina è da gustare in “Affresco”, anche quelle che non vengono dette. Perché questa è la magia di Magda Szabó, di dire con leggerezza, di alludere e poi ritornare su quanto accennato per dire di più, di scavare nel profondo nei sentimenti. Un libro da leggere e da rileggere. Indimenticabile Annuska. 

Affresco è un gioiello narrativo, oltreché storico. La trama è semplice: Annuska ritorna nel proprio paese, Tarba, per la morte “liberatoria” della propria madre in manicomio. La descrizione dell’unico giorno del funerale, a partire dai punti di vista alternati di tutti i personaggi, sarà l’occasione per mettere in scena la storia familiare e personale di Annuska. Sulla base di una trama semplice, si innesta una struttura narrativa assai elaborata. Non tanto per la continua restituzione di frammenti del disegno complessivo attraverso i vari punti di vista, ma soprattutto per la sapiente omissione di dettagli il cui rilascio graduato prosegue fino all’ultima riga del testo.

"Mancano ancora all'appello, però, i titoli più personali e sperimentali di questa autrice della prosa sempre limpida e allusiva. Sono quelli proposti di recente da Anfora."

Please reload

EDIZIONI ANFORA

 via Andrea Costa 11

 Milano, MI 20131

 info@edizionianfora.net

 tel.: 0226824248

Partita IVA: 09332140962