top of page
Per_Elisa_terza.png

Magda Szabó

Per Elisa
 

 

TRADUZIONE DI VERA GHENO

 

Cura di Mónika Szilágyi

Prefazione di Simonetta Sciandivasci

Postfazione di Stefano Bottoni

elemento decorativo sito-2.png
EDIZIONE: Terza edizione riveduta e ampliata con un commento di Magda Szabó

ISBN: 9788889076422

PAGINE: 512

ANNO: 22 febbraio 2023

ebookreader.png
ISBN: 9788889076521
ANNO: 2023
"Szabó racconta della sua infanzia e adolescenza tra le macerie morali della storia tra il 1917 e il 1935. […] Tutto raccontato con la femminilità di un battito di ciglia e la forza di un classico."
 
GIAN PAOLO SERINO
D, La Repubblica delle donne

L'ultima opera scritta dalla scrittrice ungherese Magda Szabó (1917-2007). Doveva far parte di un dittico autobiografico rimasto inattuato, seppure Per Elisa è in sé completo. Viene considerato in patria il capolavoro della scrittrice, il degno lascito prima della compianta scomparsa.

La storia di Per Elisa avviene tra il 1917 e il 1935, e segue la vita della scrittrice fino all'esame di maturità. I genitori assicurano alla loro brillante ma cocciuta figlia di poter godere di un'eccezionale gioventù. La giovane Magda non era una ragazzina facile da controllare. Ebbe un periodo molto difficile a scuola con i suoi insegnanti, cui rispondeva con azioni di sfida e vendetta. Nell'appassionata prosa di Magda Szabó riusciamo a vedere una fantasiosa studentessa, esperta di cultura classica, fiduciosa nelle proprie capacità, che fa la sua prima conoscenza con l'amore.

Perché il titolo Per Elisa?

Come sul risvolto della prima edizione ungherese Magda Szabó ci spiega: "l’umanità è composta da miliardi e miliardi di Elise, e ognuna di loro può cogliere nella canzone di Elise un messaggio, un interrogativo o un’istruzione personali indirizzati a lei, (...) ma dice qualcosa anche a noi, a ognuno tra di noi che siamo disposti a canticchiare la canzone in questa maniera muta e filtrare da essa riguardo a cosa il Maestro ci chiede di prendere posizione." E possiamo solo condividere il pensiero espresso dalla professoressa Cinzia Franchi che sulle pagine de Il Manifesto scrisse: “chissà che non sia questo il segreto, la chiave che apre la porta sul passato incastonato nel quadro del Grande Trauma collettivo storico ungherese del Trianon, la chiave per comprendere un’autobiografia interrotta.”

 

In Ungheria ne hanno vendute più di centomila copie ed è ancora un long seller, ma anche in Italia il quotidiano l'Unità l'ha promosso come migliore narrativa straniera del 2010

SzaboMagda.jpg

Magda Szabó (1917, Debrecen – 2007, Kerepes): autrice pluripremiata di numerosi romanzi, drammi, raccolte di poesie, Magda Szabó è considerata la più importante scrittrice ungherese del XX secolo.

Il suo romanzo più famoso è La porta, in Italia pubblicato da Einaudi. 

RECENSIONI

 

Magda Szabó, il dolore dell’identità di Simonetta Sciandivasci su La Stampa

Per Elisa di Magda Szabó: il Grande Trauma e la realtà nel teatro di Nicolò Dal Bello su Andergraund Rivista

Riappropriarsi della propria identità attraverso la scrittura / La morte, la lingua, la madre: cuciture di Anna Toscano su DOPPIOZERO

1917-2017 / Magda Szabó, la narrativa del passato vivente di Anna Toscano su DOPPIOZERO

Rivista Risguardi di A.L.I. Promozione, nel numero zero un articolo su Per Elisa di Magda Szabó

Domanda del direttore editoriale Giorgio Gizzi sulla personale fascinazione su questo romanzo all'editrice Mónika Szilágyi su Risguardi

Per Elisa di Magda Szabó: autobiografia di un’anomalia su Ossigeno d'inchiostro

 

Per Elisa  di Magda Szabó, recensione di Eleonora Papp su  Libroguerriero

Le scrittrici dell'identità ungherese sono tutte apolidi, mica sovraniste di Simonetta Sciandivasci

su Il Foglio

La danza di Magda di Simonetta Sciandivasci su  Il Foglio

L'intervento di DACIA MARAINI alla tavola rotonda "Le Silhouette - Dialoghi sull'identità femminile in occasione del centenario della nascita della scrittrice ungherese Magda Szabó", tenuta all'Accademia d'Ungheria in Roma

 

Nei sortilegi di Magda Szabó di Cinzia Franchi su Il Manifesto

Una vita da (da) capolavoro di Eleonora Barbieri su Il Giornale

Szabó ritrovata di Gian Paolo Serino su D Repubblica delle Donne

 

Magda Szabó e la passione per la scrittura, intervista con Géza Tasi  su RAI Letteratura

 

Giulia Sperini su Mangialibri

Gabriella Alù su NonSoloProust

VOLUMI DELLA STESSA AUTRICE
bottom of page