Tunder_Lala_Borito-13 copia.jpg

Lolò, il principe delle fate

Magda Szabó

Novità 

02 Dicembre 2020

Traduzione e cura di Vera Gheno

Introduzione di Antonella Cilento

Illustrazioni: Ivett Lénárt, Réka Imre

Seconda edizione: pp. 258

ISBN: 9788889076460

euro: 16,90

Booktrailer: https://bit.ly/3ao6FhK

Lolò, il figlio di Iris, regina delle fate, desidera diventare un bambino del mondo reale ma una minaccia incombe, la sua mamma e la pace del regno sono in grave pericolo: anche il mondo delle fate non è così bello come sembra, segreti e ricatti, minano la giustizia.

Tante le sfide che gli abitanti del regno dovranno affrontare; importanti i quesiti a cui dovranno trovare risposte, ricercando la forza nello spirito di collaborazione e, soprattutto, comprendendo che la convivenza nella diversità è l’unica arma pacifica per lottare – e vincere – contro l’abuso di potere e gli inganni, regalandos(c)i momenti di amore e amicizia profondi.

Torna la favola più famosa di Magda Szabó: una nuova riedizione illustrata per una storia senza tempo adatta ai piccoli ma soprattutto ai grandi lettori, raccontata attraverso la voce di fate, unicorni, umani e oggetti parlanti. Un’avventura tra magia e creature fantastiche, una fiaba che, a distanza di tempo, ci impone di riflettere su tematiche sempre attuali, perché questo è ciò che le voci più importanti sanno fare. È una pozione contro i maghi del potere, in difesa della libertà, capace di spezzare il confine tra mondi distanti che poi così diversi non sono.

Magda Szabó (1917-2007) tuttora autrice tra scrittori e scrittrici ungheresi più tradotti al mondo, vincitrice, tra gli altri, del Premio Kossuth (1978), del Prix Femina (2003), del Premio Mondello

(2004), aveva un’idea ben precisa del ruolo dello scrittore, come riporta ne Il momento (1990): «Il poeta è un animale furbo, in un modo o nell’altro lascia sempre i segni dei suoi denti rotti nella corteccia dell’albero del tempo, in forma per te illeggibile, con lettere che solo le generazioni successive riusciranno a sillabare nel futuro remoto»; per questo Lolò, il principe delle fate, scritto durante gli anni difficili in cui gli scrittori considerati nemici del sistema furono messi a tacere dal regime comunista ungherese e, pubblicato per la prima volta nel 1965, rappresentò l’unico modo in possesso dell’autrice per poter parlare anche agli adulti, oggi come allora.

«Ora che finalmente Lolò è edito anche in Italia, la felicità di quest’avventura, sospesa fra il nostro mondo e quello di fate e fatini, di certo catturerà mucchi di lettori giovani e meno giovani: sorprende e consola che il Novecento bersagliato dalle guerre mondiali, genocidi e totalitarismi abbia saputo produrre fiabe che ancora ci incantano, mentre un secolo non meno cupo del precedente è sorto.» (Tuttolibri, Antonella Cilento)

Recensioni

Prima di Harry Potter Lolò salva il potere dell’immaginazione

Antonella Cilento su Tuttolibri La Stampa

Segnalazione su IlSole24ore.

Lolò, il principe delle fate: il reale dietro il velo del fantastico

su Est/ranei 

Magda Szabò e Lolò, principino ribelle: ritorna la fiaba rivoluzionaria della grande scrittrice ungherese

Donatella Trotta su Il Mattino

Libri per bambini del 2020

su Il Libraio

Il libro del mese | Novembre 2020

su Pretesto

Lolò o l’insostenibile pesantezza di essere una fata

su Andergraund

La bella favola di Magda Szabò sul potere e una nuova stampante contro la dittatura 

Simonetta Sciandivasci su Il Foglio

Lolò, il principe delle fate di Magda Szabó

su SoloLibri

Il maghetto Lolò e gli unicorni nel regno di fate e stregoni su La Lettura

Lolò di Magda Szabó secondo Antonella Cilento su RAICultura

Daria Bignardi intervista Vera Gheno a proposito di Lolò, il principe delle fate

su RadioCapital

Copertine di novembre e dicembre su Il POST

Donatella Trotta recenisce Lolò, il principe delle fate su ANDERSEN

Loredana Lipperini intervista Vera Gheno, traduttrice di Lolò, il principe delle fate per il Libro del giorno di Fahrenheit di Radio RAI3.